Seleziona una pagina

Come Creare Contenuti Video e Come Produrli

Parliamo di video e di come produrre contenuti video. 

Siamo in un periodo storico dove i video sono uno dei mezzi più efficaci per pubblicizzare un prodotto servizio. Un bravo coach nel suo bagaglio di competenze è bene che abbia anche il saper comunicare in video, questo potrebbe venire utile sia per raggiungere dei potenziali nuovi clienti, sia per comunicare con quelli acquisiti.

Per creare  un video che possa risultare efficace a livello comunicativo è bene attenersi a delle precise regole che andremo a vedere in questa lezione, infatti non bisogna lasciarsi ingannare, molte persone brave nel comunicare one to one non sono a proprio agio in video e non solo, dobbiamo tenere a mente che il risultato che dobbiamo ottenere dovrà essere il più professionale possibile.

Il video è lo strumento che può aiutarti nel dimostrare la tua autorità, quindi è bene sapersi muovere correttamente in questo contesto.

La prima regola che mi sento di consigliarti è quella di imparare a essere sintetico. Questo significa che quando scrivi un testo per un tuo futuro video il dono della sintesi è quello che farà la differenza tra un risultato mediocre ed un buon risultato. Un bravo comunicatore non è colui che aggiunge ma colui che riesce a togliere parole da un testo, questo ti spiega anche quanto sia importante scrivere e revisionare un testo prima di andare a registrare un video.

Per farti un esempio prova a dover immaginare di registrare un video per il Feed di Instagram, hai 60 secondi per esprimere un concetto, in questo tempo minimo devi essere in grado di attirare l’attenzione del tuo spettatore e condurlo a compiere un’azione (call to action), capirai che per fare video da pubblicare sul feed di IG dobbiamo essere davvero dei campioni di sintesi, ricordiamo che IG ha anche la possibilità di lavorare con IGTV che permette la pubblicazione di contenuti decisamente più lunghi.

Diverso invece se pensiamo di dedicarci a Youtube che è una piattaforma pensata proprio per la fruizione di contenuti più lunghi, con più lunghi intendo superiore ai 10 minuti, io consiglio di partire da video di 15 minuti, da qui ovviamente poi si possono creare degli estratti da postare sui social che hanno una fruizione più corta di contenuti, come abbiamo detto prima per IG con i sui 60 secondi,  per Facebook su cui consiglio di stare in un tempo compreso tra 1 e 3 minuti e per Linkedin che permette di fare contenuti un po’ più lunghi ma sempre sotto i 5 minuti.

Per capire quale piattaforma sia più efficace per pubblicare i nostri contenuti dobbiamo ragionare sul target che vogliamo intercettare, il modo migliore per farlo è sicuramente quello di provare, o come ci piace dire nel marketing testare, in questo modo si potrà facilmente capire dove si ottengono più risultati. 

Altro elemento molti importante è il setting dei nostri video, dai massima importanza all’ambiente dove registri, non commettere l’errore di registrare in un ambiente poco professionale, ad esempio in una cucina con i piatti da lavare o con dietro la cesta dei panni sporchi perché, ti assicuro, che il tuo spettatore (nel tuo caso potenziale cliente o cliente) farà riferimento a quegli elementi di disturbo e non al tuo contenuto. Quindi tu devi essere in ordine e presentarti come ti presenteresti ad un appuntamento professionale e il tuo ambiente idem. Se non hai un a disposizione uno sfondo puoi trovare una parete bianca e appendere i tuoi diplomi o creare qualcosa con dei libri (per favore non usare quelli finti da scaffale)

La luce è un elemento di massima importanza, esistono in commercio delle lampade chiamate “ring light”  che sono appunto a forma di anello dove al centro puoi collocare il tuo smartphone, altrimenti luce naturale, come una finestra, e posizionati lateralmente alla luce. Qualora ti interesse il massimo della resa devi utilizzare uno schema professionale di illuminazione che, per questo tipo di video, si chiama “three point light” (digitalo su google e vai sulle immagini).

Utilizza sempre un microfono a clips o levalier attaccato allo  smartphone, mai (MAI) il microfono del telefono. Come ripeto spesso non è possibile guardare un video con un pessimo audio, quindi dedica la massima cura nel momento di registrazione, cerca di isolare i rumori il più possibile.

L’inquadratura dovrà essere in orizzontale 16:9, mai in verticale (in verticale solo le stories IG) e il soggetto (tu) dovrai essere in primo piano, quindi immaginando lo schermo diviso in terzi (cerca su google regola dei terzi) i tuoi occhi dovranno essere sulla riga orizzontale più in alto. Ricorda che l’inquadratura deve essere dritta verso il tuo volto o leggermente (quasi impercettibile) dall’alto verso il basso ma MAI dal basso verso l’alto.

Per l’editing del video ci sono vari software (abbiamo una lezione dedicata) ma il mio consiglio è quello di cercare la perfezione in fase di registrazione in modo da applicare poche o nessuna modifica al video girato. 

Ricorda sempre che i video devono essere professionali e quello che dici, quello che poi i tuoi spettatori vedranno, dovrà essere sempre coerente con quello che è il tuo messaggio. Non puoi fare un’affermazione in un video per poi contraddirti in un altro, devi prestare sempre massima attenzione ai contenuti che pubblichi sul web, sono una grande spinta al tuo business ma se fatti con disattenzione possono diventare addirittura controproducenti per la tua autorità.

Prepara il piano editoriale (ricorda gli intenti di ricerca) scrivi il contenuto, rileggi, correggi eventuali errori, prova a recitare e quando sei sicuro registra. Questa è la prassi, non credere che si debba andare a braccia, devi essere sempre molto preparato perché se tu registrassi un contenuto che non hai fatto tuo il tuo pubblico se ne accorgerebbe subito.

Pubblica costantemente contenuti, anche perché gli algoritmi (come ho spesso spiegato) premiano soltanto se lo fai con costanza e con qualità, cerca di spronare le persona a commentare, magari chiedendo un’opinione, questo perché, sempre l’algoritmo, premia quando i video hanno molto movimento e molto engagement.

Se provi vergogna davanti alla camera, non preoccuparti, ci siamo passati tutti, è una fase normale. Ci va molta preparazione per essere a proprio agio in camera, ma anche i migliori hanno iniziato dal video numero uno, quindi preparati al massimo ma non procrastinare troppo, comincia e mandaci in revisione il contenuto in modo da poterti supportare al meglio in questa fase iniziale.

Non Dimenticare:

  • Prepara con attenzione i contenuti
  • Fai attenzione ad essere coerente tra un contenuto e l’altro
  • Prova prima di registrare
  • Prepara il setting (Ordinato e Professionale)
  • Prepara il tuo aspetto (ordinato e professionale)
  • Cura Luci e Audio
  • Pubblica costantemente

 

 

Questo sito rispetta la tua privacy - Dettagli -

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi